Montebracco 2012

Anche quest’anno UNUCI Cuneo ha organizzato la consueta Esercitazione di Tiro con Arma Lunga presso il campo di Tiro di Montebracco in Barge (CN), e come di consueto, anche se non con i numeri in cui speravo, ANA Torino ha partecipato con una piccola delegazione.

Cinque i tiratori per ANA Torino (Ingaramo, Sarboraria, Magnetti, Gigliotti A., Lombisani) dotati di vessillo sezionale dato lo svolgimento in contemporanea della festa del Gruppo di Barge e la conseguente presenza del Vessillo della Sezione Saluzzo.

Ai tiratori sopra citati si è aggiunto il mio Armiere Paolo Brusa, anche lui abitudinario della giornata, con due ulteriori tiratori.

Poche le cariche presenti poichè tutti impegnati al Col di Nava, tuttavia la partecipazione dei gagliardetti era di tutto rispetto.

Ma veniamo alla parte divertente, quest’anno l’Esercitazione è stata riproposta in una modalità differente, ognuno poteva scegliere arma e calibro con cui cimentarsi al tiro. Novità assoluta la possibilità di tirare con arma e munizioni proprie.

Il divertimento è stato per tutti i gusti, si va dallo scrivente che spara sempre e comunque (spreca munizioni a detta di Franco) a Sarboraria che invece ha centellinato ogni singolo colpo (.308 Winchester) accompagnandolo in sagoma.
Ovviamente passando per Ingaramo, Magnetti e Gigliotti che si sono divertiti come matti a tirare rispettivamente con il .22LR e il .223 Remington.
Lo scrivente si è invece divertito con il suo M4 che dopo circa 100 colpi filati era pronto per arrostirci la carne.

Parte del buono linea è stato destinato alle popolazioni terremotate dell’Emilia; il ricavato a fine giornata è stato di 600,00 Euro che sono state inviate tramite le sezioni locali di UNUCI.

Come ho detto in principio speravo in qualche persona in più, soprattutto in occasione dell’uscita col vessillo sezionale, ma non importa. Il divertimento non è mancato e la compagnia nemmeno, quindi anche quest’anno abbiamo archiviato una bella giornata di Tiro.

L’atmosfera con UNUCI Cuneo è come sempre distesa e gioviale, forse perchè anche tra loro ci sono tanti Alpini. Per questo motivo un ringraziamento particolare va al Cap. Gianluigi Origlia, referente operativo della giornata, per lo spirito di condivisione che per suo tramite contraddistingue questa Sezione di UNUCI.

Come consuetudine anche in questa occasione ho incontrato gli amici di UNUCI Voghera alle cui gare partecipo sempre con piacere.

La chiusura di post è sempre la stessa, abbiamo passato una bella giornata tra Alpini e questa è la cosa importante; chi non ci conosce bene non capisce bene questa cosa, per noi la prima cosa è stare bene possibilmente davanti ad un buon piatto ed un bicchiere di rosso, il resto non guasta.

Arrivederci a Montebracco 2013.

Criterium 2012, i risultati

Sabato 14 e Domenica 15 Aprile si è svolta, presso la Sezione di Torino del Tiro A Segno Nazionale, l’edizione 2012 del Campionato Regionale Militare di Tiro a Segno “Criterium 2012” organizzata dalla Sezione di Torino dell’Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia.

La prima partecipazione della Sezione di Torino dell’ANA risale al 2007, ricordo che ero in Sezione da un anno quando, appena saputo della gara, mi precipitai a mettere insieme una squadra in fretta e furia; partecipammo con puro spirito sportivo, anche perchè avevamo solo quello, le nostre armi non erano adatte al tipo di gara e si partecipava per puro piacere. Da quell’anno la squadra dell’ANA non ha perso un’edizione e, partiti con 3 tiratori, ci siamo trovati ad oggi a portare in competizione due squadre e a piazzarci a podio in tutte le specialità.

Per lo Shooting Team ANA Torino il Criterium e il nostro Campionato Nazionale sono due appuntamenti fissi e importanti annuali poichè vedono la l’impiego di tutti i tiratori in tutte le discipline preparandoci alcune settimane prima dell’evento con gli allenamenti tenuti dal nostro Coach Enrico Contessa.
Sebbene due defezioni storiche, Pierangelo Berta e Beppe Vecchio, ci siamo presentati con due nuovi tiratori di Pistola Standard e P10; Franco Sarboraria al suo esordio in Pistola Standard (ancora adesso impressionato dal 7/3)  e Andrea Cerruti di Pistola Standard e P10. In P10 (Aria compressa 10 metri) sono solo due anni che competiamo e siamo passati da 0 a due tiratori.

Quattro le specialità:

  • Pistola Standard Calibro .22 LR (PS)
  • Carabina Libera A Terra Calibro .22 LR (CLT)
  • Pistola d’Ordinanza EI  Calibro 9×21
  • Pistola Aria Compressa (P10)
Le nostre due squadre (di cui più avanti dettaglieremo la composizione) hanno gareggiato in tutte le specialità ottenendo buoni piazzamenti, sia individuali che di squadra, sia nella categoria Ufficiali che nella Categoria Non Ufficiali.
Sabato 14, di buon mattino, abbiamo riempito la prima batteria a fuoco nello stand A/B di Pistola Standard, 5 colpi di prova, 15 di mirato e 15 di 7/3; le nostre due squadre a confronto, praticamente una gara nella gara. Peccato che non c’era il mio Vice Presidente preferito da battere.
Ottime le prove di Enrico Contessa e Cerruti di Pistola Standard e P!0, il resto della squadra ha mantenuto i propri risultati, lo scrivente ha tirato maluccio di mirato e piuttosto bene di 7/3 (cosa bizzarra) ma ha ampiamente recuperato nella prova di Pistola d’Ordinanza.
Domenica mattina i nostri due bocia di CLT, Daniele Rapello e Andrea Martinatto, hanno completato l’opera con le loro due splendide performance.
Il tutto ci ha fruttato un Primo (ANA 1) e Terzo Posto (ANA 2) a Squadre di Pistola Standard, Primo Posto per la Squadra la Carabina e Primo posto (ANA 1) per la combinata, e conseguentemente abbiamo vinto il Trofeo per il terzo anno consecutivo.
Ai piazzamenti di squadra si aggiungono quelli individuali che relazioneremo non appena pubblicata la classifica ufficiale.
Per concludere ci siamo piazzati in tutte le discipline tra il primo e il terzo posto, non lo dico per spacconeria ma senza la classifica ufficiale (che sarà pubblicata in settimana) faccio fatica a ricostruire i piazzamenti che complessivamente sono stati 10 tra squadra e individuale (ho contato le 7 coppe e le tre bottiglie di vino….le più gradite).
Ma veniamo ai ringraziamenti.
Ringrazio a nome dello Shooting Team ANA Torino l’UNUCI Sezione di Torino nelle persone del Gen. Platia (Presidente), Cap. Valfrè (Vice Presidente), Ten. Cardini (Referente Attività Sportiva) per l’invito ma soprattutto per l’organizzazione puntuale e l’ospitalità che ci viene dimostrata di anno in anno.
Ovviamente un ringraziamento speciale va a tutto lo Shooting Team per aver partecipato alla competizione nonostante il maltempo ma soprattutto sempre con al primo posto la voglia e il piacere di ritrovarsi insieme.
Un altro ringraziamento va al nostro Coach, Enrico Contessa, e al TSN di Chieri che ci permette di allenarci insieme dandoci altri momenti di aggregazione che migliorano non solo le prestazioni sportive ma anche il nostro spirito.
Per lo scrivente la soddisfazione del primo posto di Pistola d’ordinanza ma soprattutto il terzo posto non Ufficiali di Pistola Standard che il cui premio è una Bonarda Del Piemonte che promette assolutamente bene.
Un ulteriore ringraziamento va a Giorgio Chiosso sempre pronto a fare rumore ma soprattutto a stare in compagnia, e alla presenza di Franco Zoia a nome del Coordinamento Giovani Alpini della Sezione di Torino.
Ora ci aspetta il nostro Campionato Nazionale, quest’anno a Vicenza in ottobre, e per  gli amici di UNUCI un arrivederci al Criterium 2013.
Come promesso la composizione delle nostre squadre con indicazione della specialità, in rigoroso ordine alfabetico:
ANA 1
  • Andrea Cerruti (PS+P10)
  • Enrico Contessa (PS+P10)
  • Andrea Martinatto (CLT)
  • Daniele Rapello (CLT)
  • Franco Sarboraria (PS)
  • Francesco Turi (PS+CLT)
ANA 2
  • Giorgio Chiosso (PS)
  • Massimo Lombisani (PS+Ord. EI)
  • Antonio Turri (PS)

 

UNUCI Torino Campionato Regionale Militare 2012

Shooting Team Logo

Come di consueto, anche quest’anno, la Sezione di Torino dell’UNUCI organizza, nei giorni 14 e 15 aprile, la gara denominata “Criterium” di tiro edizione 2012.

La gara si articola sulle discipline di Pistola Standard, Carabina Libera a Terra e Calibro 9 di ordinanza (una specie di tiro dinamico)

Anche quest’anno la Sezione di Torino parteciperà all’evento con 10 tiratori e, se l’organizzazione ce lo concede, due rappresentative.

Quest’anno per la prima volta copriremo tutte le discipline, Pistola Standard, Carabina Libera a Terra e Calibro 9.

Di seguito i nominativi dei partecipanti:

  • C.le. Andrea Cerutti (PS, P10)
  • S.Ten. Giorgio Chiosso (PS)
  • Ten. Enrico Contessa (PS, P10)
  • C.le Massimo Lombisani (PS, Cal. 9)
  • C.le Andrea Martinatto (CLT)
  • Ten. Francesco Turi (PS, CLT)
  • C.le Antonio Turri (PS)
  • C.le Daniele Rapello (CLT)
  • Serg. Franco Sarboraria (PS)

Ci si legge dopo la gara!!

Campionato Nazionale Tiro a Segno ANA – Vittorio Veneto 2011

Vittorio Veneto 2011

Anche se la foto sarebbe sufficiente a riempire il post vediamo di fare il resoconto di un tranquillo week end di tiro a segno.

Come ogni anno anche nel 2011 si è svolto il consueto Campionato Nazionale ANA per le discipline di tiro a fuoco, l’abbiamo lasciato l’anno scorso a Biella e ritrovato quest’anno a Vittorio Veneto in provincia di Treviso.

La squadra della Sezione di Torino quest’anno constava di 9 elementi, più precisamente 6 tiratori di Pistola Standard e 4 tiratori di Carabina Libera a Terra (due tiratori hanno gareggiato in entrambe le discipline).

L’avventura inizia sabato mattina 17 settembre alle 07:30 nel cortile della caserma Lamarmora di Via Asti, parcheggiate le vetture si inizia la composizione degli equipaggi, essenzialmente i buoni sul Ducato nuovo e i meno buoni sul Ducato più spartano, ripromettendoci che per il viaggio di ritorno l’assegnazione dei posti sarebbe stata in ordine decrescente per punteggio a partire dal Ducato nuovo.

Dopo 5 ore di autostrada la mini colonna della Sezione di Torino fa il suo ingresso in una Vittorio Veneto deserta, erano le 13:30, e a momenti saltavamo il pranzo se non fosse stato per una trattoria che ha svuotato gli avanzi della settimana per sfamarci; non vi dico il vino. Secondo l’oste era vino nostrano del contadino, spero che coltivi meglio di come vinifichi. Come ho detto io a tavola ti lasciava sette o otto retrogusti diversi.

Dopo un pomeriggio trascorso tra il TSN e la mini manifestazione in piazza finalmente ci ritira in albergo e ci si prepara per la cena, questa volta ci rifacciamo del pranzo modesto, il buon Rizzetto nell’organizzarlo con il ristorante ha dato il meglio di se, non mi dilungo nell’eposizione del menù anche se meriterebbe una menzione a parte.

Dopo un sabato passato a mangiare e girovagare la domenica entriamo nel vivo della competizione; la giornata inizia con un nubifragio con contorno di grandine che a momenti ci impedisce di raggiungere il TSN per lo svolgimento della gara. Infatti appena giunti i giudici di gara sospendono per circa 30 minuti i tiri poichè le pallottole fanno fatica a schivare la grandine che viene giù copiosa.

Ma veniamo alla gara; quest’anno la squadra ha goduto di qualche novità importante, due nuovi tiratori e un tiratore di pregio di pistola che si cimenta nel tiro con la carabina.

La squadra di pistola standard è così composta (in ordine alfabetico):

  • Enrico Contessa
  • Massimo Lombisani
  • Franco Sarboraria (New Entry)
  • Francesco Turi
  • Antonio Turri
  • Giuseppe Vecchio

La squadra di Carabina Libera a Terra è così composta:

  • Luca Benghi (New Entry)
  • Enrico Contessa (Per la prima volta di carabina)
  • Andrea Martinatto
  • Daniele Rapello

In totale accompagnati dall’infaticabile Silvio Rizzetto (Referente Sport Sezione di Torino) in totale eravamo in 10 persone, un bel gruppetto soprattutto per trasformare un’evento di questo tipo in un momento di alpinità sopraffina.

Franco Sarboraria ha fatto il suo ingresso in squadra quest’anno e, pur senza un adeguato allenamento, si è collocato subito nella fascia di punteggio che io, Turi e Turri manteniamo da anni e dalla quale non riusciamo ad emergere (soprattutto perchè, almeno nel mio caso, non ci si allena a sufficienza), questo fatto ci ha aiutato a migliorare un po’ il nostro posizionamento nella classifica sezionale. Soprattutto ci ha permesso di sostituire, solo da un punto di vista algebrico, l’assenza di Pierangelo “Otturatore” Berta (senza di lui non so chi battere). Assenza che ha comunque pesato sull’andamento non tanto sportivo ma su quello goliardico del fine settimana.

Come si può evincere dalla foto abbiamo avuto l’onore e la possibilità di fare una foto con il nostro Presidente Nazionale, e la possibilità di reincontrare Il consigliere Nazionale Nino Geronazzo con il quale molti di noi hanno lavorato duro per circa un anno durante l’organizzazione dell’ultima Adunata Nazionale.

Per quanto riguarda la Pistola Standard tutti abbiamo confermato i nostri punteggi soliti, come sempre Enrico Contessa si conferma la nostra eccellenza, Franco Sarboraria ha esordito con un punteggio di 231 che lo colloca nella fascia con me, Turi, Turri e Vecchio.
Per quanto riguarda lo scrivente un inceppamento meccanico segnalato male al direttore di gara ha fatto si che incamerassi uno 0 facendomi terminare la gara con un 235, punteggio nella mia rosa.
Anche per Francesco Turi punteggio nella norma, per Beppe Vecchio invece qualche difficoltà meccanica che gli ha abbassato leggermente la media ma nel complesso anche lui è rimasto nella sua alea di punti.?

Il problema purtroppo si è presentato con Antonio Turri che grazie al mio 0 si è piazzato come secondo tiratore della sezione di Torino con ben 238 punti, circostanza che ci ha costretto ad un viaggio di ritorno estenuante, dall’uscita della classifica il buon Antonio non ha sprecato neanche un’occasione per far notare a me e Francesco che lui ci ha battuti inesorabilmente anche grazie al fatto che ha acquistato munizioni della Fiocchi che gli sono costate ben 10,5 Euro la scatola da 50 colpi. Non se ne poteva più.

Ma veniamo alla carabina, partiamo dall’esordiente assoluto, Luca Benghi; la scioltezza e la disinvoltura con cui si è presentato in linea di tiro ha spiazzato un po’ tutti. Di sicuro era il più elegante, tutti tiravano con le giacche da tiro, lui da buon cow boy si è presentato in linea con una polo griffata e dopo le consuete serie di prova si è lanciato nella gara franco poi rialzarsi provato al termine dei 45 minuti di gara. Punteggio finale di tutto rispetto considerando che ha imbracciato la carabina del buon Berta (questa volta con otturatore) per la prima volta senza alcuna esperienza e privo di tutto l’abbigliamento necessario. Ma la cosa più importante è che si è divertito e spero che continui anche lui la frequentazione.

Il buon Enrico Contessa, per la prima volta ad indossare i panni del tiratore di carabina, ci ha deliziato anche lui con un buon punteggio che sommato ai punteggioni dei due tiratori titolari di specialità della nostra Sezione ci ha consentito di crescere anche in questa disciplina.

Me veniamo ai due campioni nostrani, Andrea Martinatto ci ha regalato un bel 287 e il buon Daniele Rapello ha strafatto con un 294 che lo ha piazzato 4° assoluto dietro un pari punteggio (ha vinto per un numero di mouche superiori) e 2° individuale categoria Open regalando alla Sezione un podio.

Una nota particolare va alla Sezione Vittorio Veneto e al suo TSN per l’organizzazione, nonostante le avverse condizioni meteo sia il sabato che la domenica sono riusciti ad essere puntuali e a non perdere prezioso tempo.

Giungiamo alle conclusioni, la squadra di carabina è cresciuta e con adesso anche Enrico Contessa la porta ad un buon livello agonistico (3 agonisti su 4), le note dolenti sono, ad eccezione di Enrico Contessa, per la squadra di pistola, i risultati sono costanti, troppo costanti. Penso che con un po’ di allenamento possiamo crescere di almeno 20 punti a testa, non si tratta di un obiettivo irraggiungibile, è sufficiente allenarsi con un po’ di costanza senza strafare. E’ pur vero che 20 punti a testa in più non ci piazzeranno mai a podio ma è altrettanto vero che ci permetterebbe di crescere a livello di sezione. Purtroppo la responsabilità ricade su di me poichè sono, volente o nolente, un po’ il collante della squadra anche se agonisticamente insignificante, questo accade perchè siamo si tiratori ma prima ancora siamo Alpini.

Come sempre questa caratteristica caratterizza ogni evento che approcciamo, la gara comincia quando inizia il viaggio, si tratta del piacere di stare insieme e anche quando ciascuno termina la propria gara comincia a girovagare per seguire gli altri ancora impegnati nelle sessioni di Tiro. Per non parlare del nostro consueto campionato interno con la nostra classifica sezionale che gonfia i petti di ciascuno per il risultato conseguito. Certo agonisticamente possiamo fare di più (ad eccezione del trio Contessa, Martinatto, Rapello che sono agonisti di pregio e che ci regalano le loro prestazioni).

Quest’anno cerchiamo di metterci in riga, proviamo a mantenere allenamento al mese e come banco di prova avremo la prossima Gara dell’UNUCI Torino dove potremo verificare se effettivamente ci siamo incamminati sul sentiero corretto.

Un grazie va alla Sezione di Torino che sostiene la squadra, un’altro grazie va a Silvio Rizzetto che quest’anno si è ricordato di avere una squadra di Tiro e l’ha pure accompgnata. Grazie anche ad Idea Solidale che ci ha prestato un mezzo, ma il grazie più significativo va all’intera squadra ma soprattutto il grazie lo rivolgo per far si che oltre a disputare la gara riusciamo sempre a vivere un bel momento di aggregazione insieme. In fin dei conti siamo Alpini e questo ci basta.

Un grazie particolare va a Beppe Vecchio per la quantità di foto che ha scattato, di seguito il link all‘album.

Appena recupero le classifiche le pubblico.

Gruppo Sportivo Alpini – Pagina Facebook

Giorno memorabile.

Oggi nasce la pagina Facebook del Gruppo Sportivo Alpini, il nostro capo (Pierangelo Otturatore Berta) l’ha creata ad uso e consumo delle attività sportive sezionali.

Ora non resta che farcirla.

 

ANA Torino, i nostri Team

Shooting Team, il primo anche se ha avuto il logo per ultimo (e qui si potrebbe aprire un dibattito

Shooting Team Logo

4×4 Fuoristrada Team (gemellato con lo shooting team) (Il binomio Armi & Fuoristrada funziona sempre)

 

ANA 4x4 Team

Sci Team (ultimo arrivato)

ANA Ski Team

Montebracco 2011

Barge 11-12 Giugno 2011
 

Come di consueto anche quest’anno si è tenuta l’esercitazione di Tiro organizzata da UNUCI Cuneo
presso il campo di tiro di Montebracco in Barge (CN) e altrettanto di consueto la squadra di Tiro
(da oggi lo Shooting Team) della nostra sezione ha partecipato con la solita assortita “Gruppia”.
La nostra delegazione ha partecipato nella giornata di domenica, giornata che ha visto anche la
presenza di una delegazione Francese dell’U.N.O.R., tra di essi anche un Colonnello dei soldati di
montagna d’oltralpe (gli Chasseur Alpin).
In tale circostanza è stata organizzata una cerimonia di alzabandiera (Italiana e Francese) e di
onori ai caduti. Schierati da destra a sinistra nell’ordine: UNOR, UNUCI Cuneo, ANA Torino, e a
contorno una rappresentanza della squadra di Protezione Civile del gruppo di Barge e la presenza del neo
presidente della Sezione Saluzzo. Comando dello schieramento al Tenente Missi che ha dato ordini
nelle due lingue.
Pranzo alla Trappa, ottima trattoria a conduzione e cucina famigliare di quelle dove si mangia bene
e si spende poco, sembra scontato ma noi Alpini il meglio lo diamo a tavola, come sempre la voglia
di stare insieme ci fa superare tutto.
Nel pomeriggio fuoco alle polveri, 3 i calibri: 5.56 NATO, 7.62 NATO e 7.62×39 (ovviamente nelle loro
versioni civili) e 4 le armi in cui camerarle: M16, FAL L1A1, AK47 e SKS Simonov.
Nel complesso abbiamo tirato più di 150 colpi a testa (con i rientri) e devo dire che il morale della
truppa era bello alto.
Buona compagnia e tiro a segno in totale ed assoluta sicurezza, due cose a cui la Sezione di Torino dell’ANA
difficilmente rinuncia anche se quest’anno abbiamo avuto almeno 5 defezioni di tiratori affezionati;
per questa volta sono ampiamente giustificati.
Un grazie va al Capitano Gianluigi Origlia per coninvolgerci sempre nelle loro belle manifestazioni e un’altro
grazie particolare va al Tenente Missi, grande competenza e grande capacità di coinvolgere.
Come per le tre passate edizioni finita la giornata si comincia a pensare alla prossima.
A presto le foto.

1° Trofeo ANA Sezione di Parma

Fidenza 9-10 Aprile 2011

Bella iniziativa organizzata dagli amici della Sezione di Parma (già sede di Campionato Nazionale) presso il TSN di Fidenza.

Si tira con l’Enfield e con l’aria compressa.

La Sezione di Torino organizzerà una rappresentativa da inviare, requisiti minimi Tessera ANA in corso di validità, Tessera UITS, Porto d’armi.

UNUCI Cuneo Montebracco 2011

Barge 11-12 Giugno 2011

Anche quest’anno gli amici della Sezione di Cuneo dell’UNUCI organizzano la bella esercitazione di tiro presso il campo Enalcaccia di Montebracco.

Come di consueto l’esercitazione verterà sull’arma lunga, per la precisione si tirerà nei calibri 5.56 Nato (nella versione civile .223 Remington), 7.62 Nato (nella versione civile .308 Winchester) e 7.62×39.

I turni di tiro si svolgeranno il sabato dalle 14 alle 18 e la domenica dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17.

Anche quest’anno tramite il gemellaggio costante tra il 4×4 Fuoristrada Team della Sezione di Torino dell’ANA e la squadra di Tiro a segno organizzeremo la consueta uscita.

Di seguito la locandina ufficiale dell’evento.

Locandina Montebracco 2011

V° Trofeo T.Col. G. BECCARI – UNUCI Voghera

Stradella (PV) 07/11/2010

Come promesso eccomi qui a parlare della bella gara di UNUCI Voghera, gara nella quale mi sono particolarmente distinto per coglionaggine, tanto che il mio Vice Presidente Sezionale alla notizia voleva strapparmi la tessera ANA per demeriti sportivi.

Partito come un razzo manco fossi Dottor Serpente di The Unit sono riuscito a sparare ovunque, no shoot compresi, meno che sulle sagome.
Mi sono fatto 5 o 6 (ho perso il conto) mancate neutralizzazioni, altrettanti no shoot. In compenso sono stato abbastanza veloce.

Scherzi a parte, bella gara, 4 esercizi di cui uno con il Cx4 in 9×21, ho finalmente potuto usare la mia Beretta 98F che ho comprato praticamente solo per svolgere questa gara (la scorsa edizione usai quella del poligono e mi toccava togliere i caricatori con il cacciavite).

La gare di questo tipo, denominate di Tiro Rapido, si svolgono dagli stalli delle comuni linee di tiro e vi assicuro che fare qualcosa che sia un po’ più movimentato del classico tiro mirato non è semplice, ma anche quest’anno UNUCI Voghera si è distinta.

Un grazie ad Antonio (Penna Bianca) e a Luca Galbiati (Presidente di UNUCI Voghera) per invitarmi ad ogni occasione ma soprattutto per il caloroso benvenuto che mi riservano ogni volta che partecipo (giusto per la presenza perchè poi a sparare faccio defecare).

Anche se la performance sportiva ha lasciato a desiderare io sono comunque contento, sto riprendendo piano piano l’attività a fuoco che avevo pesantemente rallentato, ho passato una bella giornata tra Lombardia ed Emilia con la mia famiglia (che pazientemente è stata con me nel gelo del TSN di Stradella).

Per interrompere i turni di tiro una sonora risottata alla quale purtroppo non ho partecipato, e il motivo lo scoprite nel prossimo post.

Di seguito Link Classifica
Classifica