La Dillon e L’innescatore

Qualche giorno fa mi sono ributtato nel mirabolante mondo della ricarica, erano ormai due anni che avevo smesso, non sapevo neanche se avevo ancora le presse.

Come ogni parabola discendente che si rispetti ho smesso di ricaricare un paio di anni fa circa lasciando entrambe le presse (LEE Turret per il .45 e Dillon XL 650 per il 9×21) con alcuni problemi da risolvere.

In particolare sulla LEE si ruppe il decapsulatore (per i profani lo spillo che toglie gli inneschi scoppiati dai bossoli) e sulla Dillon alcuni problemi non meglio definiti all’innescatore.

In particolare la Dillon ha iniziato a non posizionare bene il disco porta inneschi nella posizione corretta facendomi scoppiare gli inneschi durante la ricarica (per fortuna uno solo) ma soprattutto rovinando ed incidendo gli inneschi incastrandoli tra il disco e lo shell plate.

Sabato ispirato dal protettore del Bricolage San Brico mi sono messo di buona lena e mi sono smontato e pulito mezza pressa non ottenendo praticamente alcun miglioramento, l’innescatore si posizionava in maniera errata impedendo al cilindro pianta inneschi di centrare il foro.

 

Ormai sconfortato mi sono accorto che il cuneo sulla parte alta su cui passa la levetta avanza inneschi (quella che si infila nel foro vuoto di un innesco per far avanzare il disco) era visibilmente consumato e quindi ho evinto che la levetta avanza innesco non riusciva ad arretrare a sufficienza e di conseguenza non  faceva avanzare il disco quanto basta per portare l’innesco in posizione.

Sostituito il pezzo non è cambiato nulla e quindi ho proceduto a mettere un piccolo spessore dietro il famigerato cuneo, fatto ciò la pressa ha preso a funzionare a dovere portando in posizione corretta l’innesco.

Molto probabilmente il problema non risiede nel cuneo in oggetto ma nelle molle della levetta avanza inneschi tuttavia in questo modo ho risolto il problema in maniera abbastanza semplice.

Quando avrò più tempo, ed una dose sufficiente di voglia, mi occuperò delle molle per ora mi faccio bastare il pezzetto di legno avvitato sotto il cuneo.