Comodato D’uso Temporaneo per Armi Sportive

Anche questo post nasce dal recupero di dettagli del mio trascorso (I cammellini della memoria) e di quando mi trovai nella necessità di prendere in comodato d’uso una carabina per svolgere una gara.

Mori alla mano (Diritto delle Armi, edizione completa) mi sono documentato e mi sono dovuto cercare il modulo (abbastanza poco diffuso) con cui perfezionare la cosa.

Al seguente link la normativa completa (fonte Tiropratico.com) e e di seguito il modulo da utilizzare. Ricordo di allegare al modulo debitamente compilato e firmato una copia delle denunce delle armi che si prendono in carico.

[wpfilebase tag=file id=33 tpl=simple]

IPSC Timer 1.31 per iPhone

IPSC Timer
Snapshot di IPSC Timer

Da quando posseggo un iPhone (circa 2,5 anni) mi sono sempre di più convinto che esiste una applicazione per qualunque bisogno/esigenza/stupidaggine/assurdità che possa venire in mente ad un soggetto pensante.

Dal luglio 2008 (data di acquisto) ho scaricato qualcosa 600 applicazioni dall’Application Store, la maggior parte delle quali per fortuna gratuita, coprendo uno spettro funzionale notevole.

Un annetto tentai di cimentarmi nella produzione di applicazioni in virtù del fatto che l’iPhone è uno strumento universale in grado di risolvere parecchie problematiche (misurare, pesare, trovare tubi nel muro, localizzare, fotografare), unico limite la fantasia.

Era un po’ che volevo comprare un CED 9000, si tratta di un cronografo a Tiro Dinamico (Shooter Ready……..Stand By………………….Beep…………..bum..bum) ma il costo, circa 100 Euro, non era giustificato dai miei pochi allenamenti.
Prendo l’iPhone, accedo all’App Store e cerco “IPSC” e con mia grande sorpresa spunta il titolo del post,

Attualmente costa 4.99 Euro (assolutamente meritati) io l’ho pagato 2.99.
Il software fa esattamente quello che fa il cronografo vero, ovvero segna il tempo ad ogni colpo.

Unico neo il beep non è fortissimo (almeno su iPhone 3G), pertanto con la cuffia ed un ambiente rumoroso potrebbe risultare difficoltoso percepirlo ma penso che per la cifra in gioco ne valga comunque la pena anche solo come crono di backup.
Ad ogni gara a cui ho partecipato almeno in un esercizio mancavano le pile per il crono.

Per reperirlo sull’App Store basta cercare IPSC ed escono tutte le opzioni, probabilmente ci sarà qualcosa di nuovo.

Pubblicazione Calendario Campionato Nazionale FITDS 2008

Come anticipato dal post precedente nei giorni scorsi ho selezionato e ceracto di capire il funzionamento un po’ di calndari per WordPress. La scelta è caduta su Events Calendar, mi è sembrato per ora il più semplice e il più adatto alle mie esigenze (adesso cerco anche il link dell’autore così gli rendo giustizia).
Per ora ho caricato tutto il calendario del campionato nazionale FITDS 2008, riprendendolo dal sito della Federazione (http://www.fitds.it).
Il calendario si trova nella barra di sinistra, il funzionamento dovrebbe essere abbastanza intuitivo, nei giorni interessati da eventi la data è di colore rosso e posizionando il puntatore del mouse sopra di esso si pare il pop-up con le indicazioni minime, cliccandoci sopra si rimanda all’evento.
Al di sotto del calendario vi è l’elenco sequenziale degli prossimi 20 eventi caricati a partire dalla data odierna. Anche in questo caso cliccandoci sopra ci sarà il rimando al post relativo all’evento.
Per ora ho copiato e incollato pedestremente quanto riportato dal calendario FITDS lasciando i dati minimi, l’intenzione (tempo e risorse mentali permettendo) è di inserire progressivamente più dati possibili prendendoli dai siti dei club organizzatori (locandine e altro materiale utile).
Cliccando sul simbolo Gare FITDS 2008 sarà possibile scaricare l’intero calendario in formato ics e poterlo importare in programmi che gestiscono i calendari in questo formato (per esempio Microsoft Outlook).
Spero che la cosa sia di utilità per quanta più gente possibile.
Prossimamente caricherò i regional, Toscana e Lombardia, e, quando rese note, le gare IDPA.
Stavo quasi per dimenticare, avrei intenzione (previa verifica della fattibilità) di tradurre le voci principali in italiano e di modificare la visualizione sequenziale dei 20 eventi successivi.

National/European IDPA – Amara conclusione

Con questo post chiudiamo l’argomento National IDPA.
Dunque andiamo con ordine.
10 esercizi per il National, progettati dai principali club italiani, e 4 per l’European Championship, progettati da club stranieri.
7.30 di Sabato sul campo, 7.45 cominciavamo a sparare i primi colpi graziati prima e premiati poi dalle condizioni climatiche.
Inizialmente tempo estremamente uggioso e umido franco poi volgere ad un soleggiato tipico di una giornata di inizio estate, naturalmente al sole ha fatto da contraltare la situazione idrogeologica del campo. Qualcuno si esibiva nel lancio del caricatore, invece di provarti l’esercizio ti cercavi una zona non allagata in cui poter effettuare il cambio caricatore senza dover poi chiamare i sommozzatori per poterlo recuperare.
Meglio sicuramente dei nostri colleghi del giorno prima che hanno tirato sotto la pioggia scrosciante.
L’organizzazione sul campo è stata ottima, nessuna coda agli stages, esercizi complicati ma ben congegnati (meno uno).
L’arbitraggio ha visto qualche momento di perplessità relativamente ad alcune situazioni (in questo national è stata introdotta la default procedure, ovvero per il solo fatto di avere messo un piede nello stage l’hai gà presa, ti verrà però solo comunicata per raccomandata con ricevuta di ritorno con il national 2008).
Ma su quest’ultimo tema non mi voglio dilungare poichè non avendo fatto una gara brillante potrei essere tacciato di livore sportivo.
Finora tutto bene, ma la ciliegina sulla torta deve ancora arrivare.
Per fortuna io ed il mio gruppo abbiamo terminato di gareggiare il sabato sera alle 18.30 raggiungendo il numero di 14 esercizi (10+4), quindi la domenica decido di rientrare a casa e non rimanare alla premiazione, e mai scelta fu più saggia.
Non potete immaginare lo sgomento quando alle 7.30 del lunedì mattina apro la mia casella di posta elettronica e trovo un messaggio che sinteticamente mi avvisa che l’organizzazione della gara non ha potuto procedere alla premiazione poichè nell’impossibilità (nell’incapacità sostengo io) di stilare classifiche definitive per i national, gli europei sono spariti dalla memoria comune. Addirittura viene richiesto ai tiratori di verificare con i propri statini i risultati di gara.
In buona sostanza ad oggi che sto terminando il post (1 novembre) non ci sono ancora classifiche ufficiali ma solo temporanee, degno della peggior gara di bocce interquartiere tra quartieri disagiati (non me ne vogliano i giocatori di bocce ma avevo bisogno di un esempio forte).
Insomma il National/Europeo/Mondiale/Regionale e quantaltro possa servire si è rivelato una vera bufala.
Tutto l’IDPA sta diventando una mera (non è un errore) bufala, penso che se in una gara di Tiro dinamico accadesse una cosa del genere qualche testa sarebbe saltata.
Adesso basta, il tempo è divenuto maturo, non ci serve una federazione per divertirci, qualcuno mi deve spiegare il motivo per cui io debba pagare il tesseramento all’IDPA se poi hanno rovinato l’unico evento in cui questa sottospecie di organizzazione poteva fare qualcosa. E allora sia Fabio Guerra che Ciro Zeno, presidenti dei due principali club IDPA si ribellino ed organizzino gare di “Tiro Come Cacchio mi Pare” e noi tiratori parteciperemo sempre e numerosi.
Invece per i tiratori ambiziosi c’è la FITDS che sicuramente è seria e per avere una classifica non si dovrà aspettare l’allineamento di Giove con Saturno.
Il National dell’anno scorso ha riempito le riviste specializzate di critiche, quello di quest’anno è ancora peggio, leggende metropolitane, personaggi che cambiano divisione e classificazione con la disinvoltura con cui un bambino tira un calcio ad un pallone.
E allora i grandi detrattori dell’IDPA hanno ragione, e ve lo dice uno che in qualche gara di IDPA qualche medaglietta e qualche soddisfazione l’ha avuta mentre nelle gare di dinamico in genere finisco oltre la classifica.
Siamo tutti classificati, i nuovi conseguino il livello bronzo (la sicurezza è sacra) e si vedrà di classificarli nella prima gara di “Tiro de noartri” e ci divertiremo.
Occorre che i grandi club agiscano, noi tiratori non li tradiremo, anche perchè non dimentichiamo il motivo vero per cui tutti noi novelle unità swat partecipiamo a queste gare ovvero divertirsi sparando.
Spero che qualcuno voglia commentare o smentirmi, e sarò felice di cambiare idea. Convincetemi che l’IDPA ha ancora un senso, convincetemi che in questo post ho scritto una moltitudine di scemenze ed io pubblicamente lo ammetterò.
Ed ora basta livore, di seguito le foto (per gentile concessione di Mario Forty Five), le classifiche credetemi le vorrei pubblicare ma praticamente non esistono ancora.

National/European IDPA – Arrivo

Logo Black Eagle Shooting Club - Rivoli (TO)

Mazzano 25-26-27 Ottobre 2007
National IDPA, sono arrivato questa sera direttamente dal lavoro in quel di Nuvolera, ridente cittadina in provincia di Brescia.
Per ora il primo atto di questa avventura l’ho vissuto a tavola all’albergo-ristorante-bar la Gardesana; un posto estremamente caratteristico (l’aggettivo calza a pennello) dove sono stato accolto da grilletti di carne arrostita e una polenta concia che penso non potesse essere conciata di più.
Ma cosa più importante ho ritrovato gli amici tiratori del Black Eagle Shooting Club, del Robin Academy e di altri club.
Scherzi a parte, per questa sera non ho foto, ho lasciato la macchina fotografica in macchina, ma domani rimedio.
Domattina sveglia alle 5.30, doccia, colazione e via al campo.
A domani sera, se ne avrò le forze.

4° IDPA REGIONAL CHAMPIONSHIP PIEMONTE

Logo Black Eagle Shooting Club - Rivoli (TO)

Sabato 7 e Domenica 8 Luglio 2007
Prima visita al nuovo campo di tiro Shooterland del Cuneo Combat Club.
Bello il campo e bella la gara, belli e ben strutturati gli esercizi in scenario e belli e non banali anche gli esercizi standard.
Io ho partecipato alla domenica, inizio puntuale alle 9.00 fine gara alle 14.00.
Il tempo è stato soleggiato per tutta la giornata.
Hanno partecipato un totale di 77 tiratori, buon risultato complessivo per il Black Eagle.
Di rilievo Mario Santese nono assoluto e secondo SSP SS.
Io mi sono classificato 3° SSP MM ed essendo il match sanzionato sono passato di categoria, ora sono SS…così se fino ad oggi ho visto qualche podio, ora sarò ultimo a vita.

Noi siamo i Borg, ogni resistenza è inutile. Il mio nome è Locutus di Borg

Classifica 4° Regional Championship Piemonte

La Gara Più Bella dell’Anno IV – Gara IDPA

Sabato 19 domenica 20 maggio 2007 si è svolta a Mazzano (BS) la consueta gara più bella dell’anno organizzata da Fabio Guerra del Robin Academy, novità di quest’edizione è stata la formula surprise, ovvero scenari totalmente a sorpresa.
Per me si è trattata della prima gara di questo tipo, non ero cerebralmente preparato.
I 5 stages erano ben congegnati, e soprattutto ben celati.
Il tempo è stato clemente sia sabato che domenica, sabato l’affluenza non è stata altissima.
Le mie prestazioni sono sostanzialmente invariate, sono arrivato 5° MM SSP, e la cosa importante è che non eravamo in 5.
Il materiale fotografico ancora non è in mio possesso, appena mi perverrà procederò a pubblicare.
Complimenti a Fabio Guerra per la realizzazione tecnica della gara.
Il grazie più grande va come sempre a Paolo Brusa instancabile coordinatore/direttore di tiro del Black Eagle Shooting Club di Rivoli per la sua insostituibile lavoro organizzativo al nostro club.

1° BLACK EAGLE TROPHY – 4° idpa regional championship Lombardia

Mazzano 24 – 25 Marzo 2007

La nostra prima gara di club, per modo di dire poichè si trattava di una gara sanzionata che nel linguaggio criptico dei tiratori di IDPA significa che si tratta di una gara più importante.
La gara si è svolta in due giornate, sabato e domenica, sabato il freddo imperava, domenica pioveva. Pertanto condizioni cliamtiche impervie.

La gara è andata bene, relativamente alle mie capacità, mi sono classificato al quinto posto per quanto riguarda la mia categoria (SSP MM).
Per me che stappo lo champagne se arrivo a fine gara e sono in classifica figurati se mi classifico, sparo i fuochi d’artificio e indico un giorno di festeggiamenti nel condominio.

Gli esercizi potevano di fatto essere più specifici per il tipo di disciplina, mi sono sembrati molto simili al tiro dinamico.
Forse in questo occorrerebbe una meditazione e soprattutto una mediazione.

Come di consueto di seguito classifiche e qualche immagine.

Classifica 1° Black Eagle Trophy

Foto durante un esercizio

Per Cronografare le munizioni

Chi pratica il tiro dinamico si imbatte nel problema del power factor, ovvero le munizioni che sto ricaricando sono a norma secondo il recolamento IPSC ?
Ne parlo in questo modo bizzarro poichè questo è stato il mio approccio, tanta fatica per ricaricare e capire cosa e come ricaricavo e poi qualcuno ti fa la domanda “Sei a fattore ?” oppure peggio ancora “Devi cronografare ?”.
Ci ho messo circa 4 mesi di sudore per quadrare la mia fida Lee Pro 1000 e riuscire a capire quale era il buco da cui usciva la polvere che è spuntato il problema di dover cronografare.
E meno male, perchè solo così mi accorsi i miei 3,6 grani di Cheddite Granular Fine non erano affatto sufficienti a superare una eventuale prova cronografo in una eventuale gara.
Entrato nell’ottica di cronografare comincio scroccando il cronografo di qualcuno, ma non ho ancora il coraggio di effettuare la procedura. Si tratta infatti di sparare una serie cadenzata di colpi (da 3 a 5) al di sopra dei sensori del cronografo, che non è null’altro che un parallepipedo posto ad un metro dal tiratore e poggiato su di un treppiede.
E se sbaglio e centro il display ? Meglio far provare qualcuno con più esperienza.
Ma anche in questo caso interviene il fido ed instancabile Coordinatore del Black Eagle Shooting Club, Paolo Brusa, che mi infonde la forza (Cito testuale “May the force be with you young Skywalker”) per tirare i colpi al di sopra del cronografo e non nel suo display.
Insomma vinco ogni remora ed anche io finalmente cronografo.
A questo punto arriva il problema dove scrivo i dati (per ogni colpo devo appuntare la velocità iniziale), non vi dico su cosa ho visto scrivere. Ho visto scrivere su pezzi di carta più piccoli della punta della biro stessa, oppure su pezzi di cartone di oscura provenienza.
Per farla breve ho pensato di fare una schedina per la raccolta dei dati dal cronografo che contiene tutte le informazioni necessarie alla corretta valutazione dei risultati ottenuti.
Il file è in formato excel ed ha un duplice uso, stampato è una semplice scheda racolta dati, usato in excel contiene le formule per il calcolo automatico della velocità media e conseguentemente il calcolo del power factor.
Spero sia utile, a me è molto comodo.
Per concludere la formula per il calcolo del power factor è la seguente
(Velocità Iniziale * Peso della Palla in Grani) / 1000.

Scheda Raccolta Dati Cronografo (xls)