Imperia 2006 – Appunti di un Alpino di Campagna

Protezione Civile Associazione Nazionale Alpini

Articolo scritto per il periodico del Gruppo Alpini To Alpette “Su le braje”

Mi chiamo Massimo Lombisani, sono iscritto all’ANA da marzo e mi sono trovato alla mia prima esercitazione di protezione civile.
Io mi occupo dell’informatica in sezione e come tale me ne sono occupato in sede di esercitazione approntando una postazione informatica di supporto ai volontari della nostra sezione. L’esercitazione, a livello raggruppamento, vedeva impegnate le sezioni di Piemonte, Liguria e Valle D’Aosta, insomma una bella riunione di tute gialle/blu.
La postazione è stata allestita nella tenda magazzino gestita Bruno Bianco (nonché infaticabile capogruppo del gruppo Torino Alpette).
L’esercitazione è iniziata il venerdì 8 settembre con il montaggio del campo e si è conclusa la domenica 10 con il conseguente smontaggio, io ho partecipato solo all’ultima di queste fasi poiché sono giunto al campo nella serata di venerdì 8 settembre.
Tende……. queste sconosciute, non vi ho mai dormito, ne mai ho fatto un campo (ne da miltare ne da civile), in due giorni ho capito quello che avrei dovuto portare e quanto di inutile ho portato. Insomma almeno ho colto la mia inadeguatezza; anche durante il servizio militare, svolto presso il battaglione alpini Edolo in Merano, mi occupavo di informatica.
E’ stata una bella esperienza, come ho detto mi ritengo un alpino di campagna. Mi è servito soprattutto a capire cosa vuol dire protezione civile, non quella fatta di uniformi e gradi autoconcessi ma quella fatta di motoseghe e roncole, di quella protezione civile che passa un week end a ripulire l’alveo di un fiume. Dico tutto ciò con molta modestia, ho prestato la mia opera “informatica” assistendo sia le trasmissioni che la segreteria che il magazzino e non ho operato nei cantieri cime i miei colleghi.
Ho continuato il mio cammino personale alla ricerca della conoscenza dell’alpinità, questo sconosciuto morbo che affligge quasi tutti gli alpini in congedo e in armi, e devo dire che anche in questa occasione ho avuto modo di imparare qualcosa in più.
La giornata del sabato è trascorsa al campo, principalmente nella tenda magazzino con il mio infaticabile capogruppo e il coordinamento e il coordinamento radio.
La domenica dopo lo smontaggio è seguita la sfilata per le vie di Pigna, anche in questo caso l’elenco dei vessilli e dei gagliardetti era molto nutrito, in particolare lo scrivente ha portato il vessillo della sezione di Torino scortato dal vice presidente sezionale Pierangelo Berta.
Alla fine del lauto rancio alpino abbiamo preso la strada di casa…..arivederci ad Aosta 2007.

Massimo Lombisani.

Foto di Gruppo della Tenda Magazzino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.